Clandestinamentemente’s Blog

L’estate che avanza

Posted on: maggio 12, 2013

Alcune domeniche ci si sveglia con la netta predisposizione al viaggio, mentale o fisico che sia ha ben poca importanza.

Sei nel tuo lettone, con accanto un cuscino triturato da abbracci notturni e appena apri gli occhi noti una splendida giornata di sole fuori dalla tua finestra.

Come per magia senti quasi il profumo della salsedine, e altro che magia non può essere siccome sei nella periferia torinese.

Ah no, era l’air wick freschezza marina.

Beh ma se voglia di mare è, allora non resta altro, non potendolo ancora vedere o annusare, che cercare di organizzare le vacanze estive.

Certo qualche mese ancora manca, ma ci sono sempre i week end e la riviera romagnola abbiamo già sperimentato l’anno scorso che non è poi impossibile da raggiungere per un paio di giorni di antipasto vacanziero.

Computer in grembo e, una pagina aperta sulla cartina dell’Emilia Romagna e una sul sito di prenotazioni alberghiere, cerco quindi una soluzione a portata di sogni ad occhi aperti.

Ho voglia del canto delle cicale, del verso dei gabbiani e del rumore delle onde.

Ho voglia di passeggiate con i piedi a mollo sul lungomare, tenendo per mano il mio bello.

Ho voglia di sole sulla pelle, di vederla trasformarsi da bianco cera a bronzo.

Non escludo stamane di fare anche un defilè con i costumi in bagno, per valutare anche dove occorra porre rimedio più in fretta per essere in forma smagliante.

Al mare anche se non ti trucchi e non ti pettini sei bella lo stesso. Il naso rosso ti fa compagnia anche se non ti travesti da clown e le infradito diventano un degno sostituto della scarpa antinfortunistica che devi indossare ogni giorno dell’anno quando non sei in vacanza. Puoi persino permetterti lo smalto alle unghie dei piedi, vezzo femminile che ti fa andare orgogliosa persino del tuo piede numero 39, che proprio uguale a quello di Cenerentola non è.

Al mare puoi indossare quelle camicette estive coloratissime e indianissime e l’unico dilemma da affrontare è su quale spiaggia andare a sdraiarti e quale libro portarsi da leggere tra un sonnellino e una passaggiata e l’altra.

Al mare l’autostima cresce, perchè pensi sempre di non essere abbastanza bella, ma poi vedi cellulite di terzo e quarto grado che passeggia liberamente e allora pensi che invece sei bellissima, perchè la tua è solo di secondo grado.

Al mare puoi baciarti sentendo il sapore di sale e anche se non vuoi mentalmente di ritrovi a canticchiare la canzone di Paoli, al mare puoi guardare i tatuaggi degli altri e fare le sculture con la sabbia e fermarti a raccogliere conchiglie che poi cercherai di trasformare in ornamento per la tua casetta periferica della pianura padana.

Al mare le passeggiate serali vicino alle bancarelle sono belle anche se le bancarelle manco le guardi.

Chiudo gli occhi per un momento e sono come teletrasportata a un anno fa, quando una passeggiata per la via del paese a un certo punto si trasforma in una passeggiata in riva al mare di notte. Lui mi trascina tenendomi per mano e poi ci fermiamo a vedere le stelle sedendoci abusivamente su uno di quei lettini riposti ordinatamente per la notte in spiaggia. Il bacio che ci siamo scambiati non aveva il sapore del sale, ma ha seguito il ritmo del mio cuore che betteva all’impazzata. Quel bacio era come un rock e mi ha morso col suo swing, come avrebbe detto Celentano.

Mancano le serate passate seduti sulla sedia sul balcone a sentire i suoni delle giostre e le note portate dal vento. Manca guardare le luci sul mare e accorgersi che di notte, illuminate, le barche dei pescatori hanno un fascino tutto loro. Mancano persino le canzoncine stupide estive che divetano veri e propri tormentoni per il gioco aperitivo, dove persino il “giochiamo a chi sputa più lungo il cubetto di ghiaccio” diventa momento di aggregazione sulle spiagge organizzate. Mancano i rami di legno con i pareo intrecciati trasformati in capannine.

Mentre penso a tutto questo mi accorgo di essere ancora in pigiama, in relax totale per casa, spettinata e struccata e penso allora al palliativo che posso utilizzare per portarmi la sensazione di vacanza a spasso per Torino oggi. Alzo gli occhi e vedo la camicetta comprata dal Senegalese in spiaggia e la gonnellina di lino.

Oggi indosserò quegli abiti e le infradito verdi. Spero solo passeggiando di non pestare la cacca di qualche cane sul marciapiede che mi riporti alla realtà torinese.

2012-08-23 18.18.52

Annunci

6 Risposte to "L’estate che avanza"

….. ti capisco.
Il mare ha il suo fascino non solo d’estate.
Vivo vicino al mare per quasi tutto l’anno ma quando ne sono lontano mi assale la nostalgia….
🙂

Un saluto e buona giornata!!

Pensavo di mettere il vostro logo sul nostro sito con il vostro link per dar modo ai nostri visitatori di conoscere il vostro blog. Cosa ne pensi?

Gentile da parte tua. Grazie tante 🙂

Grazie per il vostro articolo, mi sembra molto utile, provero’ senz’altro a sperimentare quanto avete indicato… c’e’ solo una cosa di cui vorrei parlare piu’ approfonditamente, ho scritto una mail al vostro indirizzo al riguardo.

Grazie all’autore del post, hai detto delle cose davvero giuste. Spero di vedere presto altri post del genere, intanto mi salvo il blog trai preferiti.

Grazie a te Valentina, un abbraccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

per ricevere via email ogni aggiornamento e i nuovi post.

Segui assieme ad altri 20 follower

maggio: 2013
L M M G V S D
« Dic   Giu »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Categorie

Blog Stats

  • 20,366 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: