Clandestinamentemente’s Blog

Posts Tagged ‘Spritz

Anni fa, mi ricordo, andai in un cinema d’essay e vidi un film che si intitolava “Ognuno cerca il suo gatto”.

Parlava di una ragazza che da una soffitta parigina perdeva il suo micio, e girovagando per le vie del suo quartiere, incontrava una moltitudine di persone. Persone disposte ad aiutarla nella sua ricerca, a cercare con lei o semplicemente pronte a rivolgerle qualche parola d conforto e coraggio.

Una perfetta similitudine che raccontava in realtà il percorso di crescita di una persona, con altre che le gravitavano attorno per darle piccoli insegnamenti di vita.

Venerdì notte ho perso il mio gatto.

E’ caduto dal balcone e poi spaventato è scappato via, nascondendosi.

Sono stati giorni molto dolorosi, dove lo sconforto più totale si è impadronito di me, dandomi spazio per un solo pensiero: ritrovare Spritz.

Ho versato lacrime di disperazione, non riuscivo neanche a parlare e mostravo piangendo il volantino con la sua foto e i riferimenti telefonici miei e di mio padre.

Ho visto piangere i miei genitori, li ho visti sentirsi in colpa e responsabili di un gesto a loro avviso di disattenzione, mentre di semplice e fatale tragedia si trattava.

Parole come tragedia per la perdita di un gatto, per alcuni di voi che avranno voglia di leggermi, potranno sembrare esagerate. Ma per noi no. Avevamo la morte nel cuore.

Consigli di una carissima amica sono stati realizzati alla lettera e inspiegabilmente, un tam tam di aiuto e consigli si sono alzati come una marea marina, fino a sommergermi e tenermi a galla.

Notti insonni, ore di cammino sotto il sole, su e giù per il parco cittadino, con le persone che mi guardavano affacciate ai balconi come se fossi pazza.

Lo ero, ero pazza e assolutamente fuori di me e lucida al tempo stesso, dandomi comandi e ordini che eseguivo come un soldatino. Non importava se mi sentivo stanca, o sfiduciata. Il desiderio di rivedere Spritz era più forte di qualsiasi cosa.

Tutti gli eventi da quel venerdì notte in poi, si sono sfogati in una tempesta perfetta. Confusione e disperazione seguita da sprazzi di sereno e infine l’arcobaleno.

Devo ringraziare tutti, dal primo all’ultimo.

Devo ringraziare Elisa, che mi ha sostenuto in modo quasi militaresco con i suoi consigli, Albert che mi ha sostenuta moralmente e mi ha aiutato a non abbattermi, mamma e papà per aver cercato con me, il tam tam su facebook, i vicini di casa tutti affacciati sui balconi, Irene che ha accolto il mio appello ed è venuta a farsi un giro al parco a cercare il micio con me, la Signora Maria che si è messa a cercare anche lei Spritz senza neanche che glielo chiedessi.

Quando ieri sera un Signore dal balcone mi ha indicato sotto quale macchina aveva visto Spritz e un altro Signore con un bassotto al guizaglio mi ha aiutato a metterlo nel trasportino, tutti quelli affacciati sui balconi hanno iniziato ad applaudire per il lieto epilogo.

Tremavo dall’emozione e dalla gioia, tremavo per l’amore totale che provo per il mio micino dolce, tremavo per la paura passata.

Cercando il mio gatto ho trovato solo persone disposte ad aiutarmi e una serie di eventi favorevoli mi hanno aiutato ad abbracciare ancora il mio piccolo e a farlo addormentare in braccio a me con il pancino in aria pronto a prendersi tutte le carezze del mondo.

Cercando il mio gatto ho capito di essere una persona ostinata e fortunata, sensibile e determinata.

Cercando il mio gatto mi sono interrogata su significato della parola amore e ho capito che amo in modo totale, il mio piccolo animale, la mia famiglia, il mio compagno, i miei amici tutti.

Ho ricevuto amore da tutti voi, e ne sono non solo felice, ma anche onorata.

010

 

Annunci

Sono ormai undici giorni che convivo felicemente con Spritz, un micio dal carattere dolcissimo pezzato e con il pelo leggermente lungo.
Un vero amore.
Quando sono andata nello studio veterinario nel quale era rinchiuso in una gabbietta da quasi due mesi, appena mi ha visto mi ha messo il musetto nel palmo della mia mano e mi ha dato la pancina per avere le carezze.
Ne ero sicura, è lui che ha scelto me, non io lui.
A casa ho organizzato un parco giochi solo per lui: un tappeto verde che ricorda l’erba, un bel tiragraffi con una pallina colorata e ormai siamo a quota quattro palline colorate, con o senza piume, un uovo di legno e un topo di peluche blu!
Resto comunque io il suo giocattolo preferito, infatti quando sono a casa mi sta sempre in braccio, a fare le fusa o a farsi le unghie sulla mia mano (vizio che sto cercando di fargli togliere a suon di “Spritz no!” e piccoli colpetti sul sederino).
Ormai dividiamo anche il letto, e segno del mio grande carattere, ha deciso lui quale parte del letto gli appartiene, rilengando me in quella rimanente.
La mattina svegliarsi con i suoi bacini e le sue coccole è impagabile.
E’ sicuramente un grande impegno e ora anche solo allontanarsi per un intero fine settimana è un pensiero che non prendo più a cuor leggero, ma sono sicura di aver fatto la scelta giusta.
E’ buffo e spiritoso, dotato di grande carattere e dolcezza…proprio come lo Spritz!
Sono dunque nuovamente diventata mamma dopo l’esperienza con Morgan, fatemi gli auguri!
E io li faccio a voi, perchè siete tutti neo zii!!! 🙂


per ricevere via email ogni aggiornamento e i nuovi post.

Segui assieme ad altri 20 follower

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Categorie

Blog Stats

  • 20,509 hits